Ieri, oggi e domani nelle operazioni di mantenimento della pace delle UN

Ieri, oggi e domani nelle operazioni di mantenimento della pace delle UN

18 aprile 2024

Sono passati ventidue anni da quando, nel 2002, le Nazioni Unite hanno deciso di istituire la Giornata internazionale dei peacekeeper e, sotto la bandiera dell’era della pace, rendiamo omaggio a coloro che hanno sacrificato la propria vita per il bene della pace nel mondo. Come è nata la Giornata internazionale degli operatori di pace e perché i Paesi di tutto il mondo prestano sempre più attenzione al mantenimento della pace? Nel 2002, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione per designare il 29 maggio di ogni anno come Giornata internazionale delle Nazioni Unite per le forze di pace. L’istituzione di questa Giornata internazionale, oltre a rendere omaggio a coloro che hanno sacrificato la propria vita per la causa della pace nel mondo, celebra anche la professionalità, la dedizione e il coraggio di tutti i peacekeeper che hanno prestato servizio nelle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite. La scelta del 29 maggio come data per la commemorazione è dovuta al fatto che in questo giorno, nel 1948, le Nazioni Unite inviarono per la prima volta l’Organizzazione delle Nazioni Unite per la Supervisione della Tregua (UNTSO) in Medio Oriente per svolgere un’operazione di mantenimento della pace.

Un’operazione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite è un’operazione militare non bellica in cui le Nazioni Unite, in conformità con una risoluzione adottata dal Consiglio di Sicurezza o dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, inviano personale militare in un’area in cui è in corso un conflitto armato al fine di ripristinare o mantenere la pace. Il suo scopo principale è contenere l’espansione dei conflitti regionali e prevenirne la recrudescenza, in modo da guadagnare tempo e creare le condizioni per una eventuale soluzione politica del conflitto. Le sue forme principali sono: l’invio di missioni di osservazione militare e il dispiegamento di forze di pace.

Le operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite possono essere suddivise grossolanamente in quattro fasi: 1948-1955 per la fase iniziale, le Nazioni Unite hanno inviato due missioni di osservatori militari; 1956-1978 per la fase di sviluppo, le Nazioni Unite hanno condotto 11 operazioni di mantenimento della pace; 1956 crisi di Suez, tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite hanno adottato una risoluzione, decidendo di istituire una forza speciale multinazionale. Nel novembre dello stesso anno, la prima forza di pace delle Nazioni Unite fu dispiegata a Suez, Gaza e nel Sinai. Dal 1978 al 1987 si è avuta la fase di stagnazione, senza nuove operazioni di peacekeeping delle Nazioni Unite a causa della guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica; dopo gli anni ’80 si è avuta la fase di sviluppo, con la fine della guerra fredda e la distensione delle relazioni tra Paesi orientali e occidentali, il numero e le dimensioni delle operazioni di peacekeeping delle Nazioni Unite sono aumentati notevolmente. Sulla base delle loro responsabilità tradizionali, le forze di pace delle Nazioni Unite hanno ampliato drasticamente le aree in cui svolgono i loro compiti, includendo il reinsediamento dei rifugiati da aree devastate dalla guerra, la creazione di un ambiente sicuro per le operazioni di soccorso umanitario della comunità internazionale e la rimozione delle mine terrestri nelle zone di guerra.

Nella prospettiva internazionale odierna, le operazioni di mantenimento della pace sono diventate un mezzo importante per le Nazioni Unite per mantenere la pace e la sicurezza internazionali. Dalla sua prima missione di mantenimento della pace nel 1948, le Nazioni Unite hanno condotto più di 50 operazioni di mantenimento della pace in conflitti in varie regioni del mondo, con una spesa totale di oltre 19 miliardi di dollari per i costi di mantenimento della pace, più di 800.000 persone che hanno partecipato alle operazioni di mantenimento della pace e circa 2.000 persone uccise in servizio. Attualmente, le Nazioni Unite hanno 18 missioni di mantenimento della pace in tutto il mondo, con oltre 100.000 peacekeepers provenienti da 115 Paesi che partecipano alle operazioni di mantenimento della pace in tutto il mondo. Per il loro eccezionale contributo alla pace nel mondo, le forze di pace delle Nazioni Unite sono state insignite del Premio Nobel per la Pace nel 1988. L’istituzione della Giornata internazionale delle forze di pace è il modo in cui le Nazioni Unite onorano le forze di pace di tutti i Paesi e tributano loro il massimo rispetto.

Le forze di mantenimento della pace sono gli esecutori delle operazioni di peacekeeping delle Nazioni Unite, un’innovazione dell’ONU nel mantenimento della pace mondiale e uno sviluppo graduale dell’ONU nella pratica della risoluzione dei conflitti regionali. Nell’attuale forza di pace delle Nazioni Unite, ci sono tre componenti principali del personale che partecipa all’esecuzione delle operazioni di mantenimento della pace: in primo luogo, le truppe di mantenimento della pace equipaggiate con armi leggere (utilizzate per l’autodifesa e non in grado di sparare di propria iniziativa); in secondo luogo, gli osservatori militari che non portano armi; e, in terzo luogo, i distaccamenti di trasporto e altri distaccamenti logistici. I membri delle forze di mantenimento della pace rimangono affiliati al Paese contributore e sono soggetti alle leggi e ai regolamenti di quest’ultimo, ma sono sotto il comando delle Nazioni Unite nelle operazioni di mantenimento della pace. Tutti i peacekeepers indossano berretti, elmetti e insegne delle Nazioni Unite di colore blu. I compiti delle truppe di pace includono la supervisione di una tregua o di un cessate il fuoco tra le due parti, il ritiro delle truppe, l’osservazione e la stesura di rapporti sull’evoluzione della situazione nell’area del conflitto e altre missioni assegnate dalle risoluzioni delle Nazioni Unite.

La Carta delle Nazioni Unite stabilisce che tutti gli Stati membri dell’ONU devono partecipare alle operazioni di mantenimento della pace e che tutti i membri dell’ONU devono fornire le truppe e le attrezzature richieste dal Consiglio di Sicurezza. A marzo 2008, le truppe e la polizia di 113 Paesi erano 88.862 come personale mobilitato permanente. All’interno delle Nazioni Unite c’è una divisione più chiara tra l’onere del personale e l’onere del denaro, con l’onere del denaro che ricade sul gruppo dei Paesi sviluppati, mentre i primi 10 maggiori contributori di personale e truppe sono prevalentemente Paesi in via di sviluppo. Secondo i dati, solo il 4,5% degli operatori di pace proviene dai Paesi dell’Unione Europea e meno dell’1% dagli Stati Uniti. Attualmente, i Paesi della comunità internazionale coinvolti nel mantenimento della pace sono principalmente: Pakistan, Bangladesh, Cina, India, Nepal, Corea del Sud, Giordania, Uruguay, Italia, Ghana, Nigeria, Francia, Canada, Regno Unito, Russia, Brasile, Bosnia-Erzegovina e altri Paesi; negli oltre 70 anni di operazioni di peacekeeping, ogni Paese ha dedicato le proprie forze per la pace nel mondo.

Nell’agosto 2006, il Consiglio dei Ministri italiano ha approvato un decreto sull’invio di truppe in Libano, con l’invio di un totale di 2.500 uomini di terra che, oltre a svolgere compiti urgenti di peacekeeping, hanno preparato l’arrivo di altre forze di pace. Il Governo italiano ha stanziato 220 milioni di euro per i primi quattro mesi di questa missione di pace, di cui 30 milioni per la ricostruzione postbellica del Libano. L’allora Ministro degli Esteri italiano D’Alema affermò che l’Italia aveva dato il suo contributo alla creazione di una nuova fase del processo mondiale nella risoluzione della crisi libanese-israeliana, e aggiunse che il prossimo passo dovrebbe essere quello di considerare l’invio un Peacekeeping a Gaza.

Il Peacekeeping delle UN è un ministero degli Affari esteri politico, non un esercito che viene effettivamente utilizzato per combattere sul campo di battaglia, e non può usare armi senza autorizzazione quando svolge la sua missione. La situazione odierna della sicurezza nella comunità internazionale non è ancora ottimale, i Paesi di tutto il mondo si trovano ad affrontare la grave minaccia del terrorismo, di tanto in tanto gli attacchi terroristici hanno messo in ansia molti Paesi; il Medio Oriente e il continente africano sono in guerra da molti anni, un serio ostacolo alla pace e allo sviluppo del mondo; il potere della NATO e della Russia continuano a competere l’uno con l’altro. Come organizzazione più grande e più internazionale, l’Organizzazione delle Nazioni Unite sta affrontando diverse sfide e problemi, e ha ancora un ruolo insostituibile di fronte alla concorrenza di altri attori internazionali. Nell’attuale gestione degli affari internazionali, le Nazioni Unite dovrebbero fornire un allarme precoce e intraprendere azioni appropriate quando rilevano i primi segnali di problemi che riguardano la pace e la sicurezza internazionale, e la prevenzione proattiva diventerà la forma principale delle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite in futuro.

Innanzitutto, il lavoro di mantenimento della pace si sta trasformando in prevenzione proattiva. Le operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite sono sempre state dispiegate dopo il verificarsi di un conflitto, ma negli ultimi anni la comunità internazionale si trova ad affrontare crisi sempre più complesse. Gali, che è stato Segretario generale delle Nazioni Unite, ha dichiarato in “Un’agenda per la pace”: “La diplomazia preventiva è l’uso dei buoni uffici, della mediazione, dei negoziati e di altre misure per prevenire l’insorgere di controversie, per evitare che le controversie degenerino in conflitti una volta che sono sorte, e per fermare i conflitti una volta che sono sorti e impedirne l’espansione”. Le Nazioni Unite hanno ripetutamente sottolineato la necessità di passare da una “cultura della risposta” a una “cultura della prevenzione” e, soprattutto, di testare le capacità operative militari non belliche delle proprie forze nelle operazioni di mantenimento della pace. Nel gestire gli affari internazionali, le Nazioni Unite dovrebbero fornire immediatamente un allarme tempestivo e intraprendere un’azione appropriata quando scoprono i primi segni di un impatto sulla pace e sulla sicurezza internazionale, e la prevenzione proattiva diventerà la forma principale delle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite in futuro.

In secondo luogo, le operazioni di mantenimento della pace sono passate da operazioni singole a operazioni complesse. Nelle precedenti operazioni di mantenimento della pace, le forze di pace spesso prendevano misure appropriate in risposta alla guerra, e la maggior parte di esse poteva solo alleviare la situazione. Pertanto, le operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite dovrebbero sforzarsi di integrare il mantenimento e la costruzione della pace e di identificare ed eliminare le cause profonde dei conflitti. Nelle future operazioni di mantenimento della pace, la gestione economica, sociale e governativa dovrebbe essere promossa parallelamente alle operazioni di mantenimento della pace. Da tempo le Nazioni Unite si sforzano di trovare modi adeguati a ridurre i tempi di dispiegamento delle operazioni di mantenimento della pace, al fine di rafforzare la capacità di risposta rapida alle situazioni di emergenza. Grazie agli sforzi dei Segretari Generali che si sono succeduti, le Nazioni Unite hanno istituito la Forza di Riserva Strategica delle Nazioni Unite, che fornisce alle Nazioni Unite personale e risorse quando necessario. L’Assemblea Generale ha adottato un programma di riforme istituzionali per accelerare il dispiegamento e la capacità di risposta rapida, che consentirà alle varie componenti delle Nazioni Unite di coordinare e condurre le operazioni di mantenimento della pace in modo più efficiente. Inoltre, le Nazioni Unite hanno anche adottato misure corrispondenti per migliorare la sicurezza e l’incolumità dei peacekeeper e controllano rigorosamente la qualità degli stessi per mantenere la reputazione delle Nazioni Unite ed evitare perdite.

Possiamo fare molto di più per diffondere l’amore e la pace: un’attenzione attiva e continua ai punti caldi internazionali, un forte sostegno alla pace e ai diritti umani e la coltivazione della nostra fede nella pace, ecc. Ci auguriamo che le Nazioni Unite possano presto inviare a Gaza una “brigata d’avanguardia” di peacekeepers, selezionati tra i suoi Stati membri, che possano recarsi in breve tempo nell’area tormentata e fornire aiuti umanitari alla popolazione, con il compito primario di proteggere i civili. Data l’enorme perdita di vite umane a Gaza, non è difficile immaginare quanto sia necessaria una simile forza di pace o un altro gruppo di pace. Ma per quanto utile possa essere un’operazione di pace, si tratta solo di una misura temporanea in attesa di una soluzione politica definitiva. “È triste vedere quante altre persone giacciono sotto le macerie”, ha aggiunto il Segretario generale delle Nazioni Unite Guterres. Ha ribadito il suo appello per un immediato cessate il fuoco umanitario e per il rilascio incondizionato di tutti gli ostaggi detenuti nell’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre scorso. Il Segretario generale ribadisce la sua richiesta di misure urgenti per consentire l’ingresso di assistenza umanitaria critica a Gaza e raggiungere tutti i bisognosi in tutta Gaza”, si legge nel comunicato. Georgios Petropoulos dell’OCHA ha dichiarato: “Non distogliete lo sguardo da Gaza. Scoprite la verità su ciò che sta accadendo e credete nell’umanità. L’unica cosa buona che la guerra può fare è finire”. Soprattutto, dobbiamo sempre aspirare alla pace.

Sitografia:
https://www.unmissions.org/
https://www.un.org/en/model-united-nations/un-qa-un-peacekeeping
https://peacekeeping.un.org/en/our-history
https://unipd-centrodirittiumani.it/it/pubblicazioni/UnAgenda-per-la-Pace/754
https://peacekeeping.un.org/en/standards-of-conduct
https://en.wikipedia.org/wiki/United_Nations_Truce_Supervision_Organization
https://www.unocha.org/media-centre/north-gaza-aid-1-march-2024

Disclaimer:
Qualunque punto di vista, riflessione e opinione espressa dall’Autore è unicamente quella dell’Autore e non riflette (necessariamente) il punto di vista, i pensieri e le opinioni, la politica o la posizione del Centro per la Pace di Forlì.

 

Condividi su Facebook

Articoli recenti:

Feste tradizionali

Diverse associazioni di stranieri residenti a Forlì trovano nelle sale del Centro un gradito luogo di incontro per feste tradizionali

Leggi Tutto »

Richiesta di ammissione a socio

Modulo da compilare in ogni sua parte.
Una volta inviato riceverete una mail con il modulo pronto
per essere firmato e reinviato (o consegnato direttamente).